Le Grandi Verità della Bibbia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Come abbiamo ricevuto la Bibbia

Bibbia > Come abbiamo ricevuto la Bibbia

Le affermazioni delle Scritture
riguardo a sè stesse

          


di John F. MacArthur, Jr., The MacArthur Study Bible, (Dallas: Word Publishing) 1997


Prendi la Bibbia e lascia che parli per sé stessa. Afferma di essere la Parola di Dio? Sì! Più di 2.000 volte solo nell'Antico Testamento, la Bibbia afferma che Dio ha detto quello che è scritto nelle sue pagine. Dall'inizio (Genesi 1:3) alla fine (Malachia 4:3), questo è quello che le Scritture affermano.

La frase "
la Parola di Dio" la troviamo più di 40 volte nel Nuovo Testamento. È identificata con l'Antico Testamento (lt Marco 7:13). È quella che Gesù predicò (Luca 5:1). È il messaggio che gli apostoli insegnarono (Atti 4:31; 6:2). È la Parola che i Samaritani ricevettero (Atti 8:14) come trasmessa dagli apostoli (Atti 8:25). È il messaggio che i Gentili ricevettero come predicato da Pietro (Atti 11:1).

È la Parola che Paolo predicò durante il suo primo viaggio missionario (
Atti 13:5,7,44,48-49; 15:35-36). È il messaggio predicato durante il secondo viaggio missionario di Paolo (Atti 16:32; 17:13; 18:11). È il messaggio che Paolo predicò durante il suo terzo viaggio missionario (Atti 19:10). È il punto centrale del libro degli Atti in quanto si diffondeva dappertutto rapidamente (Atti 6:7; 12:24; 19:20).

Paolo era attento quando disse ai Corinzi che parlava la Parola come datagli da Dio, che non era stata adulterata, e che era una manifestazione della verità (
2Corinzi 2:17; 4:2). Paolo riconobbe che era la fonte della sua predicazione (Colossesi 1:25; 1Tessalonicesi 2:13). I Salmi 19; 119, come pure Proverbi 30:5-6, fanno affermazioni potenti sulla Parola di Dio che la distinguono da qualsiasi altra istruzione religiosa nella storia dell'umanità. Questi brani dimostrano la correttezza di chiamare la Bibbia 'sacra' (2Timoteo 3:15) e 'santa' (Romani 1:2). La Bibbia afferma di essere la definitiva autorità spirituale per quanto riguardo la dottrina, la riprensione, la correzione e l'educazione alla giustizia, perché è l'ispirata Parola di Dio onnipotente (2Timoteo 3:16-17). Le Scritture asseriscono la loro sufficienza spirituale, e similmente affermano l'esclusività del loro insegnamento (vedi Isaia 55:11; 2Pietro 1:3-4).

La Parola di Dio dichiara di essere inerrante (
Salmi 12:6; 119:140; Proverbi 30:5; Giovanni 10:35) e infallibile (2Timoteo 3:16-17). In altre parole, è vera e quindi affidabile. Tutte queste qualità dipendono dal fatto che le Scritture sono date da Dio (2Timoteo 3:16; 2Pietro 1:20-21), che garantisce la sua qualità alla fonte e quando è stata originalmente scritta.

Nelle Scritture, la persona di Dio e la Parola di Dio sono dappertutto collegate, in modo che quello che è vero del carattere di Dio sia vero anche della natura della Parola di Dio. Dio è vero, impeccabile e affidabile; quindi così anche è la sua Parola. Quello che una persona pensa della Parola riflette, in realtà, quello che la persona pensa di Dio.

Dunque, le Scritture possono fare queste rivendicazioni ai suoi lettori.
"Dio dunque ti ha umiliato, ti ha fatto provare la fame, poi ti ha nutrito di manna, che tu non conoscevi e che i tuoi padri non avevano mai conosciuto, per insegnarti che l'uomo non vive soltanto di pane, ma che vive di tutto quello che procede dalla bocca del Signore."
Deuteronomio 8:3

"Non mi sono scostato dai comandamenti delle sue labbra, ho custodito nel mio cuore le parole della sua bocca."
Giobbe 23:12


Continua...
2. la Canonicità


Torna ai contenuti | Torna al menu